Nutri-Score francese bocciato dai cittadini UE: lo vogliono solo le sinistre.

I cittadini europei non ne vogliono sapere dell'etichettatura francese, a differenza delle solite burocrazie, di qualche stato particolarmente interessato a omologare i prodotti di tutti alla sua industria alimentare in compagnia delle multinazionali e con l'appoggio delle sinistre.

72 views

Una raccolta firme pro Nutri-score “naufragata” clamorosamente, nonostante il tam tam mediatico e gli sforzi profusi dalle deputate UE più attive del gruppo di verdi e socialisti (Biljana Borzan, Michèle Rivasi e Véronique Trillet-Lenoir), che da mesi insiste per l’introduzione di una etichettatura a semaforo per gli alimenti.

Sinistre e multinazionali unite per il Nutri-score

Iniziativa di cittadini, si chiama la tipologia di petizione che poteva mettere all’ODG dell’Unione Europea l’obbligatorietà del Nutri-Score francese, ma che da regolamento avrebbe dovuto raccogliere un milione di firme nei vari stati UE nell’arco di un anno, salvo poi essere ritirata perchè ne ha raccolte poco più di centomila. Segno che i cittadini europei non ne vogliono sapere dell’etichettatura francese, a differenza delle solite burocrazie, di qualche stato particolarmente interessato a omologare i prodotti di tutti alla sua industria alimentare in compagnia delle multinazionali e con l’appoggio delle sinistre.

Ma chi sono gli eurodeputati che più spingono per introdurre questo sistrma di classificazione dei cibi che penalizzerebbe non solo il Made in Italy ma migliaia di DOP e IGP?

Ce lo racconta Tempi evidenziando che si tratta di deputati del Parlamento europeo perlopiù affiliati al Gruppo socialista e a quello dei Verdi. I più attivi, con conferenze stampa e interrogazioni al Parlamento, sono stati Michèle Rivasi (Francia, Verdi), Tilly Metz (Lussemburgo, Verdi), Petra De Sutter (Belgio, Verdi), Biljana Borzan (Croazia, Socialisti), Christel Schaldemose (Danimarca, Socialisti), Anja Hazekamp (Olanda, Sinistra Europea), Milan Brglez (Slovenia, Socialisti), Sara Cerdas (Portogallo, Socialisti), Benoît Biteau (Francia, Verdi), Véronique Trillet-Lenoir (Francia, liberali di Renew Europe), Eric Andrieu (Francia, Socialisti) e Sven Giegold (Germania, Verdi).

Il nutri-score resta una minaccia per il Made in Italy

Intanto il nutri-score è una minaccia tutt’altro che sventata. Dopo l’adozione volontaria in Francia, Spagna, Belgio, Lussemburgo, Olanda e Germania, ciò che si stava provando a far entrare dalla porta sul retro con la petizione poi ritirata, rischia di entrare dalla porta principale.

Nell’ambito della strategia Farm to Fork, infatti, la Commissione UE ha avviato uno studio sulle etichettature alimentari, sulla base del quale prevede di formulare una proposta entro il 2022. Battaglia ancora aperta dunque, non a caso la Coldiretti tiene alta l’attenzione sul tema, soprattutto dopo che un paese leader come la Germania ha deciso di recente di adottare il sistema a semaforo. Così è passata al contrattacco, incassando il sostegno degli agricoltori europei e delle loro cooperative riuniti nel Copa e nel Cogeca.

La mozione di Fratelli d’Italia ha impegnato il Governo contro il nutri-score

Intanto, il Governo italiano, forte di un chiaro mandato parlamentare che ha approvato all’unanimità la Mozione Meloni-FDI contro il Nutri-Score, si sta muovendo a sua volta nella costituzione di un’alleanza europea opposta e contraria a quella dei paesi che già stanno adottando volontariamente il sistema di classificazione dei cibi sviluppato dai francesi. Un aiuto importante in questa direzione è venuto dall’Ungheria di Orbàn, schieratasi al fianco dell’Italia in questa battaglia cruciale per il nostro export e la sicurezza alimentare.

Ulderico de Laurentiis
Ulderico de Laurentiishttp://www.uldericodelaurentiis.it
Direttore Responsabile de "La Voce del Patriota". Giornalista Pubblicista, laureato in Comunicazione Pubblica e di Impresa con un Master in Comunicazione Multimediale. Militante della destra politica fin da giovanissimo, appassionato di Cybercultura, osservatore curioso dell'Alt-right americana, cultore di Enogastronomia. "Per aspera ad astra"

1 commento

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 Commento
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Luca

Interessante ma non sono chiare le implicazioni della etichettatura. Cosa comporta esattamente è perché penalizzerebbe i prodotti italiani? E in che modo c’entra la sicurezza alimentare? Grazie

Seguici e resta aggiornato

17,856FansLike
3,820FollowersFollow

Leggi anche

Covid, Meloni: Governo naviga a vista e cerca capro espiatorio, ecco i risultati di tanta vanità mista a incompetenza

«Di fronte all'aumento esponenziale dei contagi il Governo naviga a vista. Continua a fare la cosa più semplice, cercare un capro espiatorio da additare,...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Covid, Meloni: Governo naviga a vista e cerca capro espiatorio, ecco i risultati di tanta vanità mista a incompetenza

«Di fronte all'aumento esponenziale dei contagi il Governo naviga a vista. Continua a fare la cosa più semplice, cercare un capro espiatorio da additare,...

Lockdown Campania. Anche i Centri Sociali dietro la notte di fuoco a Napoli.

"Tra le diverse anime scese in piazza, oltre a commercianti e ragazzi, anche ultra' della curva A dello stadio San Paolo, attivisti di Centri...

Lockdown, Meloni: De Luca irresponsabile, ma violenze vanno punite.

È stato irresponsabile, da parte del Governo e del governatore della Campania De Luca, parlare dell'ipotesi di un altro lockdown senza prima spiegare come...

Un Governo che scarica i propri errori sull’opposizione.

Ma che razza di governo è quello che scarica i propri errori sull’opposizione la quale, da costituzione, svolge sì il proprio ruolo di vigilanza...
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x