ONG sotto inchiesta della Guardia Costiera per traffico di esseri umani in Grecia

La guardia costiera greca ha avviato un’indagine sull’attività dei trafficanti di esseri umani in Turchia che coinvolge anche due ONG sospettate di collaborare con i trafficanti.

L’indagine è legata alle traversate illegali in barca avvenute nell’estate dello scorso anno, la prima delle quali si è svolta vicino all’isola di Kos e ha visto la polizia scoprire che il capo di una ONG era in possesso di e-mail con un elenco dei passeggeri a bordo dell’imbarcazione, inclusi nomi e fotografie.

Dopo che i migranti hanno raccontato alle autorità greche di un uomo del Camerun che era stato collegato ai contrabbandieri e si trovava sulla barca con loro, il 40enne è stato presto arrestato e si è scoperto che aveva inviato liste di passeggeri alle ONG prima di un altro viaggio illegale verso l’isola greca di Farmakonissi, come riporta il quotidiano Ekathimerini.

La guardia costiera greca ha scoperto che anche un ufficiale della guardia costiera turca era coinvolto nella rete di traffico e ha usato le sue credenziali per assicurare ai migranti che sarebbero riusciti ad attraversare il mare fino alla Grecia, facendo pagare loro circa mille euro a testa.

Non è la prima volta che le ONG sono sospettate di aver aiutato i trafficanti di esseri umani in Grecia negli ultimi anni.

Nel 2020, quattro ONG tedesche sono state accusate di aver utilizzato metodi di spionaggio occulti, come l’intercettazione delle comunicazioni di funzionari greci, per aiutare i migranti ad attraversare il mare senza essere scoperti dalle autorità greche.

Le autorità greche hanno persino piazzato agenti insider per fingersi migranti e hanno trovato un cittadino austriaco e uno norvegese, entrambi operatori di ONG, direttamente in contatto con i trafficanti di esseri umani.

Un anno dopo, 24 operatori di ONG del gruppo Emergency Response Center International (ERCI) sono stati accusati di riciclaggio di denaro, spionaggio, divulgazione di segreti di Stato e traffico di esseri umani; gli indagati sarebbero stati coinvolti nel trasporto di migranti in barca verso l’isola di Lesbo tra il 2016 e il 2018.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

1 commento

  1. BLOCCARE LE ONG e mettere sitto accusa la ministra filomagrebina e tutti i suoi collaboratori del traffico. Chi viene in Italia deve venire in conformita alle regole … La sinistra NON comanda più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
11,217FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati