ONG, uno studio mostra legami con i trafficanti di uomini

117 views

Il fenomeno dell’immigrazione clandestina, da anni ormai, rappresenta una delle cause, anche se non la maggiore, di quel mix crescente di tensioni sociali che attanaglia la Penisola, problematica connatura a due episodi: quello, naturale, di migrazione dei popoli – che avviene più o meno da quando esiste l’umanità – e quello, meno naturale, cieco e propagandistico, del buonismo a tutti i costi della sinistra.
Perchè se è vero che, da una parte, ergersi a cultori del “mito della razza” in un’epoca nella quale il meltin’ pot è una realtà innegabile sortisce un effetto nostalgico fine a se stesso, è anche vero che, dall’altra parte, ritenere che debba esistere un mondo senza confini, senza Stati nazionali, senza alcuna barriera, senza storia è – volendo essere buoni – il sogno distopico di un pirla.

In tutto questo potpourri di nostalgia e di progressismo spinto, c’è una fascia di persone, dotate di buonsenso e corretta capacità di osservazione della realtà, che si pongono una domanda, tra le tante: “Ma sarà mai possibile regolarla, questa benedetta migrazione?”. E la risposta sarebbe si, come avviene – senza nemmeno clamore – in quei Paesi che hanno ancora una briciola di amor proprio. Che, poi, sono la maggior parte.

E sempre queste persone, sempre dotate di buonsenso, si chiedono: “Non è che la presenza delle ONG, nel Mediterraneo, possa favorire le partenze dei barconi dalle coste libiche?”. E’ qui che l’ideologia spadroneggia: i sinistrorsi vi diranno che “se non fosse per loro, i migranti morirebbero in mare”; i destrorsi vi diranno che “se non fosse per loro, i barconi non partirebbero dalla Libia”.

Uno studio della tedesca Gasim (Centro Analisi Strategiche Immigrazione Illegale – Ministero Interno tedesco), quindi super partes riguardo le vicende di casa nostra, afferma, laconico, che la presenza di un così fitto fenomeno migratorio è dettato “…dalle capacità delle reti di contrabbando e dai soccorsi marittimi statali e privati”.

Ad onor di verità, nello studio viene citato anche come “gran parte dell’immigrazione irregolare è dovuta agli sbarchi fantasma, approdi autonomi…”, il quale studio però specifica come “…quando vi è presenza delle navi ONG, si rilevano partenze concordate…tramite anche geolocalizzazione da parte dei trafficanti della posizione delle navi ONG…per procedere poi a contatti tramite telefoni satellitari…”.

Che lo si veda ideologicamente o meno, quindi, la realtà è semplice: la presenza delle ONG nel Mediterraneo funge da fattore determinante in virtù di una doppia motivazione. Da un lato, con la sola presenza fungono da incentivo alla partenza di barconi dalla Libia; dall’altro, la presenza in mare fa si che possano essere contattate direttamente dai trafficanti per il trasbordo dei migranti irregolari.

Sarebbe, forse, il caso di analizzare questi dati in modo scevro dall’ideologia.
Caso mai, putacaso, si volesse provare a porre rimedio al problema.

Nello Simonelli
Nello Simonelli
Nello Simonelli nasce ad Avezzano (AQ) il 26 novembre 1988. Sin da bambino interessato a tutto ciò che verte intorno al mondo del giornalismo e della scrittura, si laurea in giurisprudenza all’Università degli Studi di Teramo nel 2014, per poi dedicarsi ad attività che spaziano dal teatro alla dirigenza sportiva, dedicandosi ad ulteriori studi nel ramo del marketing e della comunicazione oltre che del diritto sportivo. Lavora presso lo Studio Legale Simonelli di Avezzano, è responsabile del circolo cittadino di Nazione Futura, scrive per diverse testate locali, nella Marsica ed in Abruzzo, e di approfondimento politico e sociale.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,856FansLike
3,844FollowersFollow

Leggi anche

Nizza, Meloni: Governo chiarisca notizia su attentatore arrivato a Lampedusa, Italia rischia isolamento

«Fratelli d'Italia chiede al Governo di chiarire quanto riportato dal deputato francese Eric Ciotti, secondo il quale l'attentatore di Nizza sarebbe un tunisino arrivato...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Nizza, Meloni: Governo chiarisca notizia su attentatore arrivato a Lampedusa, Italia rischia isolamento

«Fratelli d'Italia chiede al Governo di chiarire quanto riportato dal deputato francese Eric Ciotti, secondo il quale l'attentatore di Nizza sarebbe un tunisino arrivato...

Meloni a Conte: «Scendete dal piedistallo e ascoltate la gente che chiede aiuto»

Presidente Conte, nell'ora più incerta, a sempre più italiani pare che questo Governo non ci stia capendo molto e non perché lo denunciamo noi,...

Nizza, Meloni: gli islamisti ci hanno dichiarato guerra. Chi lo nega è nemico nostra civiltà.

"L’orrore islamista si abbatte nuovamente sulla Francia e sull’Europa: a Nizza nella cattedrale di Notre Dame una donna è stata decapitata e altre due...

Il lockdown? Ora vuole proporlo la UE…

Secondo un un retroscena pubblicato oggi su La Stampa, c'è un piano di Bruxelles per un lockdown europeo. A quanto pare ci sarebbe stata già una telefonata...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x