Onorificenze. Urzì (FdI), parole Quirinale rendono onore a vittime Foibe

“La memoria del cruento maresciallo Tito quindi non potrà fregiarsi di titoli onorifici della Repubblica italiana e non si può che esprimerne soddisfazione. Sul sito del , infatti, si legge che ‘le onorificenze (dell'Ordine al merito della Repubblica italiana, ndr) sono legate alla esistenza in vita dell'insignito e decadono con la sua morte'. Quanto comunicato dal Quirinale, dunque, interpreta perfettamente lo spirito e le volontà espresse dalle diverse proposte di legge che intervenivano sulla materia della revoca ed in particolare quelle a prima firma dei deputati Rizzetto e Rampelli di Fratelli d'Italia che citavano espressamente il dittatore jugoslavo Tito, la cui figura è indissolubilmente associata alla pulizia etnica attuata ai danni della comunità italiana in Istria, Fiume e Dalmazia. La decadenza della onorificenza assegnata al Maresciallo Tito, e la piena consapevolezza di ció, rende onore alla memoria dolorosa del popolo italiano ed a quella delle vittime di foibe e persecuzioni”. Lo dichiara il capogruppo di in Commissione Affari Costituzionali della Alessandro Urzì.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Discussioni

13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x