Platini fermato per corruzione per i Mondiali in Qatar

Fonti del Ministero della francese hanno fatto sapere che Michelle Platini, ex presidente della UEFA , legenda del calcio francese e, per un certo periodo, anche dei tifosi della Juventus quando il campione giocava con la maglia zebrata numero 10, è stato fermato in relazione a un’indagine penale su un presunto reato di corruzione relativo alla decisione della Fifa di ospitare la Coppa del Mondo del 2022 in Quatar.

Il primo a dare la notizia del fermo – all’inizio si era detto addirittura “arresto” – dell’ex campione di calcio, uno dei più amati al mondo, è stato il sito Web di Mediapart, stamattina, aggiungendo che Claude Gueant, ex segretario generale dell’Eliseo sotto la presidenza di Nicolas Sarkozy sarebbe a sua volta indagato ma a piede libero. Un altro consigliere di Sarkozy durante la sua presidenza, la signora Sophie Dion, è attualmente in stato di fermo in attesa di essere interrogata dai magistrati.

Tutto nasce due anni fa, quando L’ Ufficio del Procuratore finanziario nazionale ( PNF ) – un’istituzione giudiziaria francese istituita a Dicembre 2013 e incaricata di perseguire il grande crimine economico e finanziario – apre un’indagine sull’assegnazione al Quatar del torneo mondiale 2022. Secondo fonti giudiziarie, il PNF sta indagando su possibili “corruzione privata”, “cospirazione criminale” e “influenza sulla vendita e l’influenza” sul voto per il Qatar, che sono categorie di corruzione nella legislazione francese.

Gli avvocati del collegio difensivo di Platini, hanno rilasciato una dichiarazione sottolineando che il campione non è in stato d’arresto – cosa confermata dalla fonte delle autorità giudiziarie – e che si tratta di uno stato di fermo per una ragione “tecnica” volta soprattutto a mantenere la riservatezza dell’interrogatorio. In pratica, si potrebbe dire che “tutto il mondo è Paese”, se anche in Francia per evitare le fughe di notizie dalle procure si arriva a mettere in stato di fermo un testimone.

Comunque, nel comunicato dei difensori si dice che Platini è stato anche interrogato sul premio Uefa – Campionato Europeo 2016 – assegnato alla Francia con un solo voto di differenza. Platini, dal canto suo, ha fatto sapere di essere “assolutamente fiducioso” perché non ha fatto nulla di male e “non ha nulla da rimproverarsi”.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,735FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati