Popolare di Bari: abbiamo una ! (un’altra…)

L’intervento dello Stato nei salvataggi bancari è tornato di gran moda. Ma non esisteva una procedura, definita a livello europeo, chiamata bail-in? sembra che non esista più perché il sistema politico italiano non è in grado di accettarne le conseguenze di una rigorosa applicazione. La motivazione ufficiale è che il bail-in “punisce ingiustamente” il piccolo obbligazionista, la motivazione vera invece, visto come stanno andando le cose, è che se si portassero le perdite a bilancio il capitale sociale si azzererebbe, sarebbe necessario far entrare altri azionisti e le attuali maggioranze azionarie (che girano quasi tutte attorno ai partiti, in particolare attraverso le “fondazioni bancarie” che essi controllano) perderebbero il controllo che da sempre esercitano sul sistema creditizio.

Se infatti ci pensiamo tutte le soluzioni sino ad ora prospettate da parte politica hanno questo comune denominatore: garantire che il sistema politico non perda il proprio antico controllo sul sistema bancario.
Se ci fosse stato bisogno di ulteriori conferme l’avremo ottenute guardando alle nuove nomine della Popolare di Bari, reduce da un salvataggio che più che dello Stato, la vedrebbe passare in mano ai partiti politici.

La barese, dopo il salvataggio pubblico, da fine giugno è partecipata al 97% dal MedioCredito Centrale che, tramite Invitalia, fa capo al Mef. Occorreva quindi procedere rapidamente alla nomina dei nuovi organi sociali di Popolare di Bari per dare immediata attuazione al piano industriale, come aveva suggerito lo stesso amministratore delegato di Mcc, Bernardo Mattarella. Ma qualcosa poi non deve essere andato per il verso auspicato e a fine agosto i commissari della hanno annullato l’assemblea di metà settembre, non essendo stata depositata – per motivi misteriosi – la lista dei nuovi amministratori.

Ecco che adesso, ad elezioni avvenute, spunta la rosa dei nomi candidati al consiglio di amministrazione; il prossimo 15 ottobre, infatti, si dovrà chiudere il periodo di commissariamento per tornare ad una gestione ordinaria dell’istituto. I candidati in totale sono 17. Sette fanno parte della lista presentata da Mediocredito Centrale, che attualmente detiene il 97% della barese. Si tratta dell’ex capo della Polizia e presidente di Leonardo Giovanni De Gennaro nel ruolo di presidente, l’ex vice dg di Mps Giampiero Bergami, già direttore generale e futuro amministratore delegato, Elena De Gennaro, chief financial officer di Mediocredito, la docente universitaria Paola Girdinio e i tre avvocati pugliesi Cinzia Capano, Roberto Fusco e Bartolomeo Cozzoli.
Gli altri dieci nomi sono stati proposti in due liste alternative. La prima, depositata da Giuseppe e Alessandra Carrieri, candida Domenico di Paola (presidente), Giuseppe Carrieri, Vittoria Giustiniani, Annamaria Bonomo e Umberto Ruggiero. La seconda proposta è opera di Ada Meterangelis e candida Pasquale Pilla (presidente), Matteo D’Auria, Mario De Bellis, Floriana Fortunato e Adele Ferraro.

Appare abbastanza scontato che a prevalere saranno nomi appartenenti alla prima lista, considerando il peso (97%) del proponente. In questa lista ci sono nomi molto vicini a Michele Emiliano: Cinzia Capano, infatti, è ex deputata del Partito Democratico ed in passato in Giunta con l’allora sindaco di Bari. Bartolomeo Cozzoli è invece un consigliere del ministro Francesco Boccia.
Ma non sarebbero forse servite figure al di sopra di ogni sospetto, senza alcun legame con la politica locale o nazionale e professionalmente adeguate? Non si rischia così l’ennesimo sperpero di denaro pubblico?

La maggiore popolare del Sud, diventata società per azioni, doveva nei progetti della politica diventare una grande al servizio della ripresa di tutto il . Purtroppo, dopo mesi di gestione straordinaria, i progetti sono ancora fermi sulla carta. L’evoluzione sperata verso un futuro autonomo e redditizio è solamente, come immaginavamo, nella carta, e adesso le possibili nuove nomine fanno fortemente dubitare che l’operazione vada a buon fine.
La storia del Monte dei Paschi di Siena non ci ha insegnato proprio niente.

Letizia Giorgianni
Letizia Giorgianni
O te ne stai in un angolo a compiangerti per quello che ti accade o ti rimbocchi le maniche, con la convinzione che il destino non sia scritto. Per il resto faccio cose, vedo gente e combatto contro ingiustizie e . Se vuoi segnalarmi qualcosa scrivimi a info@letiziagiorgianni.it
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,856FansLike
3,804FollowersFollow

Leggi anche

Vertice del Centrodestra: candidati unitari in tutti i 1300 Comuni al voto

Più di venti nomi analizzati come possibili candidati per le principali città che andranno al voto in primavera: Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Vertice del Centrodestra: candidati unitari in tutti i 1300 Comuni al voto

Più di venti nomi analizzati come possibili candidati per le principali città che andranno al voto in primavera: Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Antonio...

Ue, Meloni: Valutare opportunità sostituire prestiti Recovery Fund con nostri Titoli di Stato

«Nazioni europee come Spagna, Portogallo e Francia, stanno valutando l'ipotesi di non aspettare i prestiti del Recovery Fund e finanziare la ripresa tramite i...

Coronavirus. A Milano i rom non pagano l’affitto, mentre commercianti e milanesi arrancano.

"Prosecuzione della sospensione e differimento del pagamento delle tariffe giornaliere per la permanenza e i servizi generali, nelle aree autorizzate di via Negrotto, via...

La Francia “invade” il Monte Bianco. Meloni: faremo di tutto per difendere i confini.

"Nel silenzio generale, la Francia ha spostato i confini di Stato con l’Italia: hanno fatto rientrare in territorio francese la vetta del Monte Bianco....
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x