Porto Empedocle, di Fratelli d’Italia contro gli sbarchi di migranti

Stamattina a Porto Empedocle, all’interno della area portuale e nel rispetto delle misure anti covid, ha avuto luogo un di Fratelli d’Italia contro l’ clandestina.

I rappresentanti locali del , muniti di striscioni e bandiere tricolori, hanno voluto manifestare contro gli sbarchi di che incessantemente si susseguono sulle coste agrigentine.

All’evento, tenutosi in forma ristretta per evitare assembramenti, hanno partecipato, il commissario provinciale di Fratelli d’Italia Calogero Pisano, il dirigente regionale ed assessore comunale di Agrigento Costantino Ciulla, il responsabile provinciale comunicazione social media Giuseppe Milano, i rappresentanti del di Porto Empedocle Salvo Prestia e Carmelo Bellini, di Favara Rosalia Sgarito, di Montallegro Stefano Marrella, e di Agrigento Tonino Migliaccio, Giovanni Mantese, Daniela Ilardi e Calogero Casucci.

Queste le parole del Commissario provinciale, Calogero Pisano: “Secondo dati del Viminale, nei primi due mesi dell’anno sono 4.536 i sbarcati in Italia, quasi il doppio rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, numeri che con la bella stagione sono destinati a salire vertiginosamente.

A pagarne maggiormente dazio è la provincia agrigentina, con i centri di accoglienza sull’orlo del collasso e con Porto Empedocle e Lampedusa quotidianamente alla ribalta delle cronache nazionali ed internazionali, non per le bellezze storico, paesaggistiche e culturali, ma per l’approdo di migliaia di che spesso arrivano positivi al coronavirus, tutto nel silenzio del e mentre si ipotizzano nuove restrizioni nei confronti dei cittadini e delle italiane per contrastare la diffusione della pandemia.

Speravamo che con l’insediamento del nuovo le cose cambiassero ed invece la politica immigrazionista è rimasta la stessa del precedente, per questo siamo qui, per dire basta, quello che sta succedendo nella nostra provincia è inaccettabile.

Fratelli d’Italia, a differenza di altri, non ha mai cambiato posizione sull’ clandestina e da sempre auspica un blocco navale per fermare gli sbarchi ed il malaffare che molte volte si cela dietro il business dell’accoglienza.

Gli agrigentini non sono cittadini di serie b e la provincia di Agrigento non è il d’Europa”.

 

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

18,508FansLike
5,564FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x