Ramacca (Catania). Da Fratelli d’Italia appello all’unità del centrodestra

Manca meno di un anno alle elezioni amministrative a Ramacca, provincia di Catania, e i partiti locali cominciano a prendere posizione, delineando i prossimi scenari politici. A tal proposito è da registrare l’auspicio di Fratelli d’Italia per un centrodestra unito, ma capace anche di aprirsi a nuove forze.

«Coerentemente con quanto sottolineato più volte dal nostro partito, sia a livello nazionale che regionale – afferma il consigliere Comunale di Francesco Carini – anche a Ramacca il nostro proposito è quello di avviare con gli alleati di centrodestra un dialogo costante, al fine di mettere a punto un programma di rilancio dell’azione politico-amministrativa locale, in particolare dopo questa brutta emergenza legata al coronavirus. Urge un confronto propositivo e leale – conclude Carini – per sostenere l’unitarietà del centrodestra e il possibile allargamento ad altre forze in vista delle elezioni del 2021».

Posizione condivisa da Taddeo Sottosanti, portavoce cittadino del partito di Giorgia Meloni.
«Negli anni – spiega il portavoce di Fratelli d’Italia – la coalizione di Centrodestra a Ramacca ha dimostrato che quando si presenta unita non solo si rivela vincente, ma è anche sinonimo di buon governo della città. Prova ne sia l’amministrazione che nel 2006, pur trovandosi ad ereditare un Comune commissariato e il fardello di un grave dissesto finanziario, nel quinquennio successivo fu in grado di risanare i conti della città.
Ecco perché, con agli amici della Lega e di Forza Italia, abbiamo la responsabilità di immaginare un percorso comune che possa condurci a ripresentarci insieme alle prossime elezioni, con pari dignità e un programma chiaro ed efficace per il bene di Ramacca».

Centrodestra unito, però, non significa un progetto chiuso in sé stesso, come Giannantonio Malgioglio, ex Sindaco e riferimento della destra nel Calatino, tiene a ribadire: «Insieme possiamo rappresentare un punto di partenza, lo zoccolo duro di una coalizione inclusiva e in grado di aprirsi anche ad altre esperienze politiche e civiche, alla società civile, all’associazionismo e a tutte le migliori risorse della nostra comunità. Non ci sono preclusioni, porte aperte a tutti coloro che hanno a cuore il bene della cittadinanza».

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,506FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati