Sana, uccisa in Pakistan: accusati padre e fratello

La Procura generale di Brescia ha chiuso le indagini sulla morte di Sana Cheema, la 24enne di origini pakistane, cittadina italiana, uccisa in Pakistan un anno fa, il 18 aprile, dopo aver rinunciato al matrimonio combinato.

Il padre e il fratello della poveretta sono accusati di “aver cagionato la morte di Sana per asfissia meccanica violenta mediante strangolamento così annullando diritti politici sociali fondamentali e assoluti della vittima che è stata uccisa per aver ripetutamente rifiutato il matrimonio deciso dai congiunti” ha spiegato il Procuratore generale Dell’Osso.

Finalmente la muove i passi nella direzione che in molti auspicavano dopo la terribile sorte toccata a questa ragazza che aveva la sola colpa di voler vivere come le sue coetanee e connazionali italiane: libera.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,664FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati