giovedì, Settembre 24, 2020

Santa Virginia Raggi, protettrice dei rom…

Tutto cominciò qualche mese dopo l’insediamento della sindaca di Roma in Campidoglio e dopo che in campagna elettorale Virginia Raggi si era affannata ad annunciare che nel suo programma per la Capitale si prevedeva, tra l’altro, il “superamento” dei campi rom, qualsiasi cosa “superamento” volesse intendere. Poi, però, i romani non videro significativi cambiamenti in proposito, anzi. Nei primi 100 giorni del governo 5stelle al Comune di Roma, venne indetto un bando di gara per aprire un nuovo campo. Non solo, un altro bando di gara venne indetto per stanziare i soldi atti alla gestione dei sei campi ancora attivi in città, con le stesse misure già  bocciate dal Tar, mentre i soldi per l’applicazione della Strategia di Inclusione restavano nel cassetto, circa 4,4 milioni di euro provenienti dai fondi europei.  Il tutto mentre – lo racconta lo stesso blog di Beppe Grillo – veniva Istituito un “tavolo per l’inclusione di Rom, Sinti e Caminanti, nel rispetto della relativa strategia nazionale che prevede di arrivare al superamento progressivo dei campi nomadi presenti nella Capitale”.

In pratica, Virginia decise di riattivare il flusso economico nei confronti della gestione dei campi rom, con uno stanziamento di 12 milioni di euro, dopo che la precedente amministrazione aveva bloccato qualsiasi finanziamento di questo tipo perché, tra l’altro, l’Associazione 21 Luglio aveva analizzato e poi raccontato come il “sistema campi” non funzionasse, conclusione ripresa poi dalla Procura di Roma che nella questione aveva individuato uno dei filoni principali dell’indagine Mafia Capitale.  Per tutta risposta, nello stesso periodo venne aperto dal Comune un altro bando di oltre 6 milioni di euro per la gestione di 6 baraccopoli istituzionali, meglio note come “i villaggi”.  Insomma, niente male come superamento. Ma facciamo un passo avanti…

Nel corso del tempo, i campi rimangono dove sono, nel loro degrado che, se possibile, aumenta anche. Arriva così il 2017 e si ricomincia a parlare del famoso “superamento”, e arriva il “piano” del Campidoglio per attuarlo. Virginia, che nel frattempo non gode più dello stesso favore popolare che la circondava all’atto dell’elezione e del primo periodo del mandato, si presenta al pubblico con una dichiarazione roboante come ama fare, e dice: “Possiamo annunciare in maniera molto netta che finalmente a Roma saranno superati i campi“. Ci siamo, pensano i romani, che però si chiedono cosa ha immaginato la sindaca per riuscire in così complesso intento. La risposta non si fa attendere e non solleva, ahimè, l’animo dei cittadini. Laura Baldassarre, assessore o, forse, assessora al sociale, fa sapere che è stato stabilito un “contributo per l’affitto”, e che i primi a goderne saranno i sinti e camminanti dei campi di La Barbuta e Monachina.

In pratica, per convincere i rom a mollare le baracche, verrà loro concesso un bonus di 800euro mensili, o somma adeguata e inversamente proporzionale al reddito netto dei rom stessi: maggiore per chi ha meno e minore per chi ha di più. A detta della Baldassare, dunque, nessun trattamento speciale rispetto agli altri cittadini, anche se non ci sembra che ricevano stesso contributo mensile tutti i romani che non hanno una casa…

Procediamo. Nello stesso Piano Rom,  la sindaca di Roma decide che oltre a fornire una casa, bisogna anche aiutare questi sfortunati affinché prendano in considerazione l’originale idea di lavorare. E così, come era già accaduto per il bonus affitto, sempre per i rom della Barbuta e della Monachina, viene istituito il servizio di “mental coach”.  Cioè, chiederà qualcuno? Beh, una sorta di psicologo non necessariamente laureato, ma individuato dal Comune di Roma non si sa bene su quali basi, che ha il non semplice obiettivo di motivare i nomadi affinché si cerchino un lavoro. Recita il capitolato della gara. “i mentoring and personal coaches si occuperanno di fornire il supporto adeguato in termini di strumenti e competenze per le prime fasi di avvio delle iniziative imprenditoriali aiutando gli ideatori a fare le scelte giuste in ordine ai processi lavorativi e strategici“. E se ancora non basta, sono previsti anche i “talent management” e  “personal development programs“, per aiutare le doti comunicative e relazionali.  E ci fermiamo qui, ma ci sarebbe ancora da dire al riguardo, facendo solo presente che detto “Piano rom” costa alle casse del Campidoglio 3,8 ml di euro.

Arriviamo ad oggi, ed ecco l’ultima notizia che arriva dal Campidoglio sulla questione rom. Il Comune lancia un “esperimento” sempre attraverso l’assessora Laura Baldassarre che ci dice:Stiamo attivando tutti gli strumenti possibili, compreso un contributo da 5mila euro per chi apre un’attività. Si tratta di accompagnamento al lavoro attraverso i centri di orientamento, una misura che abbiamo approvato un anno fa e che intendiamo potenziare”, e aggiunge: “Tra la ruspa del ministro e il mantenimento dello status quo, che sembra spinto da un certo mondo dell’associazionismo compreso quello cattolico, esiste una terza via sulla questione rom: ed è la strada che stiamo percorrendo. Legalità e anche inclusione nella società”.

A noi, più che altro, sembra la solita distribuzione di denaro a fondo perduto. Soldi che si perderanno nel nulla come tutti gli altri, senza che niente sia cambiato. O forse no. Qualcosa cambierà. I rom avranno un’altra santa protettrice: Virginia Raggi.

RK Montanari
RK Montanarihttps://www.lavocedelpatriota.it
Viaggiatrice instancabile, appassionata di fantasy, innamorata della sua Italia.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,824FansLike
3,700FollowersFollow

Leggi anche

Gli assassini di Willy prendono il Reddito di Cittadinanza

Picchiatori, nullafacenti e con il reddito di cittadinanza. Questo il nuovo quadro che emerge in queste ore a proposito dei quattro di Artena arrestati...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Gli assassini di Willy prendono il Reddito di Cittadinanza

Picchiatori, nullafacenti e con il reddito di cittadinanza. Questo il nuovo quadro che emerge in queste ore a proposito dei quattro di Artena arrestati...

Gli assassini di Colleferro col SUV, ma il padre prende il Reddito di Cittadinanza

La storia di Willy Duarte è la storia di grandi e terribili vuoti, su tutti giganteggia il vuoto che lascia, ma sullo sfondo si...

Willy, il gestore del pub: “c’entrano le Istituzioni, c’entrano i genitori, c’entra la scuola, la storia è sempre la stessa”.

Il proprietario di un Pub di Velletri pubblica un lungo sfogo su Facebook in un cui racconta un episodio avvenuto nel suo locale con...

Orrore comunista senza fine. Scoperta nuova foiba in Slovenia.

Per decenni la drammatica storia degli Italiani dell’Istria e della Dalmazia è stata nascosta agli occhi del mondo. I giuliano-dalmati furono addirittura accolti in Patria...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x