Su Italicus e altre stragi è indispensabile volontà politica di conoscere verità

“Ben venga la direttiva di Draghi – firmata proprio nella ricorrenza della strage di Bologna – che va a desecretare e a versare agli Archivi dello Stato i documenti relativi ad alcuni episodi molto bui della storia d’Italia, tra i quali l’attentato al treno Italicus.

Ma siamo sicuri che è necessario fare molto di più per dare alle vittime e pace al dolore dei loro familiari: bisogna, innanzitutto, abbandonare l’ossessione del marchio “nero ad ogni costo” delle stragi di quegli anni drammatici e violenti.

La “pista nera oltre ogni ragionevole dubbio” infatti, oltre che essere stata smentita da molti atti processuali, indagini giornalistiche e documenti ufficiali delle Commissioni Parlamentari d’inchiesta succedutesi in questi anni, non restituisce dignità al dramma vissuto da queste famiglie, offendendo la memoria dell’ingiusta perdita subita e pregiudicando la possibilità di conoscere come esattamente si sono svolti i fatti, gli esecutori materiali e i mandanti.

La sinistra non perseveri nell’atteggiamento colpevole e inaccettabile di fare battaglie ideologicopolitiche sulla pelle delle Vittime!!

Mi auguro, pertanto, che il Parlamento approvi al più presto l’istituzione della “Commissione parlamentare di inchiesta sulle connessioni del terrorismo interno e internazionale con le stragi avvenute in Italia dal 1953 al 1989 e sulle attività svolte dai servizi segreti nazionali e stranieri”, come più volte chiesto da Fratelli d’Italia in questa Legislatura.

La Verità prima dei meri interessi di bottega!!”

Lo scrive in una nota Cinzia Pellegrino – Coordinatore nazionale del Dipartimento tutela Vittime di FdI – nel 47esimo anniversario dell’attentato al treno Italicus.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,404FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati