Terrorismo, Rampelli (VpC-FdI): Nella Grande Storia e nelle ‘Piccole’ Storie, vite spezzate senza verità

Nella ricorrenza del ritrovamento del presidente Aldo Moro ci ritroviamo ancora oggi, nel 45º anniversario, a commemorare lo statista e l'uomo, la sua originale traiettoria e la sua esemplare umanità. Parabola terrena interrotta dalle Brigate Rosse che per oltre un decennio hanno tenuto in scacco gli italiani, finché lo Stato non è sceso in campo con tutta la sua forza per stroncarne il germe malefico. Centinaia sono le vittime del terrorismo, le personalità più celebri vittime della sua ferocia hanno probabilmente fatto scattare la molla dell'orgoglio e determinato la sua sconfitta. Ma vale la pena immergersi anche nelle tante piccole storie di vite spezzate negli Anni di piombo, meno altisonanti ma socialmente rilevanti, che non hanno avuto né avranno giustizia, a cui possiamo almeno consegnare la verità storica di quelle tragedie, come sono maturate, chi e perché le ha foraggiate, chi ha guidato la strategia della tensione, da dove sono arrivate le armi, soprattutto quelle da guerra. A tutti i martiri di quella carneficina crudele e alle loro famiglie giunga il mio raccoglimento, la mia preghiera e tutta la gratitudine possibile per aver vissuto ‘pericolosamente' ovvero in fedeltà ai propri ideali”. È quanto dichiara il vicepresidente della dei deputati Fabio Rampelli di Fratelli d'Italia.

0 0 votes
Vota l'articolo
Subscribe
Notificami

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
13,699FollowersFollow

Leggi anche

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x