Ue-Pesca, Stancanelli (FdI-Ecr): creare sistema monitoraggio globale e responsabilizzare maggiormente i partner internazionali

“Questo studio mette in luce ancora una volta la condotta a dir poco sleale della Cina e, se andassimo ad analizzare ogni singolo settore economico che abbia aspetti commerciali, la situazione sarebbe la medesima se non peggiore”. Così l’eurodeputato di FdI- Ecr, Raffaele Stancanelli, intervenendo in commissione Pesca sul ruolo e l’impatto della Cina sulla pesca mondiale e sull’acquacoltura.
“Da troppi anni sentiamo gli esperti parlare della Cina come il mercato del futuro per le nostre aziende ma non ci accorgiamo che la vera terra di conquista da sfruttare siamo noi per loro. Dobbiamo mettere in atto un approccio chiaro e tempestivo nel quale le stesse regole a cui chiediamo di ottemperare ai nostri operatori ittici siano applicate anche ai paesi terzi. La tracciabilità, la sicurezza alimentare e la lotta alla pesca illegale devono essere i principi guida e sono pienamente favorevole all’applicazione di specifiche regole UE esistenti come la Direttiva sulla Due Diligence.
Infine, – conclude Stancanelli – creare un sistema di monitoraggio globale, aumentando la consapevolezza sulle devastanti conseguenze delle condotte che stiamo analizzando e responsabilizzare maggiormente i partner internazionali, evitando che possano stipulare accordi bilaterali senza un previo coordinamento, è la strada da seguire e questo sosterrò all’interno della commissione Pesca come relatore del gruppo ECR”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Discussioni

12,145FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati