Vittoria storica dell’Ucraina che libera Kharkiv e mette in subbuglio le forze russe.

Si ritiene che le forze di Kiev abbiano ora liberato le città strategicamente significative di Izium e Kupyansk in un'offensiva fulminea a sorpresa

Questa settimana le forze ucraine hanno rotto uno stallo durato mesi su uno dei principali fronti della guerra nel nord-est del paese. E’ quanto riferisce il Telegraph.

Hrakove, un gruppo di case danneggiate dalla guerra intorno a una chiesa a un bivio, fa parte di un’ampia fascia della regione di Kharkiv che le forze ucraine hanno ora liberato dall’occupazione russa, comprese le città strategicamente significative di Izium e Kupyansk.

Sabato, Mosca ha riconosciuto il ritiro da Izium, una ritirata che potrebbe benissimo segnare la più grande perdita di territorio della Russia da quando le sue forze sono state costrette ad abbandonare il loro assalto alla capitale Kiev a marzo.

La rapida avanzata ha fatto sì che i media coinvolti in un viaggio organizzato a Hrakove venerdì, due giorni dopo la sua liberazione, avessero mostrato un’area già molto indietro rispetto alle linee del fronte: le forze ucraine erano già avanzate per ulteriori 40 miglia verso est a Kupyansk, ha detto ai giornalisti Tymoshenko.

Entro sabato, la controffensiva si era trasformata in una diffusa disfatta delle forze russe dal distretto di Kharkiv, lasciando gli ucraini estasiati, i commentatori filo-russi scoraggiati e analisti e giornalisti che lottavano per tenere il passo.

Quasi 1.000 miglia quadrate di territorio erano state riconquistate entro venerdì, secondo l’Istituto per lo studio della guerra, una cifra che non tiene conto di Izium e Kupyansk.

Nel primo riconoscimento ufficiale da parte di Mosca dell’entità della sconfitta, sabato il ministero della Difesa russo ha annunciato che si sarebbe “raggruppato”.

“Per raggiungere gli obiettivi dell’operazione militare speciale per liberare il Donbas, è stata presa la decisione di raggruppare le truppe russe di stanza nelle regioni di Balakliya e Izium, per rafforzare gli sforzi lungo il fronte di Donetsk”, ha affermato il ministero della Difesa russo in una nota.

“Sono state svolte numerose attività di distrazione e distrazione per mascherare le vere azioni delle truppe”, ha aggiunto, in commenti ampiamente derisi online.

La liberazione di Izium in particolare rappresenta una vittoria importante e inaspettata per le forze ucraine.

“È un punto strategico per entrambe le parti”, ha detto al Telegraph il consigliere di Izium Maxim Strelnyk all’inizio di questa settimana, definendo la sua città “la porta della regione del Donbas” e l’operazione ucraina in corso per liberarla “geniale”.

In particolare, Hora Kremenets, un punto elevato sulla riva destra del fiume Siversky Donets a sud di Izium, offre un campo di fuoco dominante sulla regione circostante, ha affermato. “Chiunque detenga questo punto può controllare l’area circostante per 60 km”, ha affermato Strelnyk.

Anche la liberazione della vicina Kupyansk, dove i soldati ucraini hanno caricato foto di se stessi mentre alzavano la bandiera, è importante in quanto conferisce a Kiev il controllo sulle linee ferroviarie che la Russia aveva utilizzato per rifornire le sue forze nell’Ucraina orientale.

La guerra lampo sembra aver colto impreparate le forze russe dopo che avevano spostato le truppe verso il basso per rafforzare Kherson in risposta a una controffensiva ucraina ampiamente telegrafata nel sud.

L’offensiva ucraina a Kherson era “probabilmente un diversivo”, secondo Mika Mäenpää, ufficiale di artiglieria finlandese e analista militare. “Questo apparentemente ha indotto la Russia a minare in modo critico il fronte di Kharkiv”, ha scritto su Twitter.

Mosca ha tentato disperatamente di portare rinforzi nella breccia, incluso l’uso di elicotteri Mi-26 per far volare truppe e veicoli corazzati a Izium e Kupyansk.

Il capo dell’amministrazione insediata dalla Russia nelle aree occupate della provincia, Vitaliy Ganchev, ha riconosciuto le “feroci battaglie” in osservazioni televisive, dicendo che “ora le riserve russe sono state portate lì, le nostre truppe stanno combattendo”.

La velocità dell’avanzata ucraina ha lasciato in subbuglio i media del Cremlino. “La notizia è preoccupante”, ha detto la conduttrice televisiva russa Olga Skabeyeva, incolpando l’avanzata del sostegno occidentale all’Ucraina. “Per la sua avanzata sul fronte di Kharkiv, le forze ucraine hanno utilizzato le unità che sono state addestrate in Gran Bretagna”.

I simultanei attacchi ucraini nella regione orientale del Donbas e nel fronte meridionale di Kherson aumentano la prospettiva di guadagni ancora più ampi contro le forze russe tese e demoralizzate nei prossimi giorni.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
9,771FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati