Censura online: anche l’Ungheria si muove contro i social media

Il governo ungherese segue la Polonia nel muoversi contro la Big Tech, facendo voto di agire contro la “messa al bando nell’ombra”, comunemente conosciuta come Shadowban delle “opinioni cristiane, conservatrici e di destra”.

“Shadowban” significa l’atto dei gestori di social media che, segretamente, per scopi politici, limitano la visibilità e l’accesso al nostro profilo utente senza che noi ne siamo a conoscenza”, ha spiegato Judit Varga, il ministro della del governo conservatore nazionale di Viktor Orbán, in una dichiarazione condivisa sui social media, affermando di aver avuto lei stessa “un’esperienza personale” di tale trattamento per mano della “Big Tech”.

“Per ridurre la loro portata, Facebook limita anche la visibilità delle opinioni cristiane, conservatrici e di destra”, ha continuato il ministro della Giustizia, impegnandosi a convocare una “riunione straordinaria del Comitato per la libertà digitale” per affrontare tali “abusi sistemici”.

“Mi consulterò anche con il presidente dell’Autorità ungherese per la concorrenza sulla possibilità di sanzionare le pratiche commerciali sleali”, ha avvertito.

La mossa ungherese contro le società sempre più censorie – e politicamente parziali – che controllano un’ampia fascia del discorso pubblico, attraverso la proprietà delle principali piattaforme di social media , segue un provvedimento particolarmente duro contro la censura tecnologica da parte del governo polacco, che opera secondo principi ampiamente simili e spesso collabora con Budapest in sedi internazionali.

Il ministro della polacco Zbigniew Ziobro e il vice ministro della Sebastian Kaleta hanno presentato un progetto di legge che darà il potere a un nuovo Free Speech Board di ascoltare gli appelli degli utenti dei social media che credono di essere stati banditi o che hanno fatto rimuovere i loro contenuti dalle piattaforme dei social media, e di ordinare a tali piattaforme di reintegrarli se il discorso per cui sono stati puniti era legale secondo la costituzione polacca.

Le società tecnologiche che non rispettano la legge saranno soggette a multe fino a 50 milioni di złoty (circa 9,8 milioni di sterline o 13,3 milioni di dollari).

La legislazione ha cominciato ad essere redatta dopo che il governo polacco si è preoccupato di rimuovere la censura di alcune pagine cristiane da parte di Facebook, ma ha guadagnato nuovo slancio dopo che Twitter, Facebook e altre aziende Big Tech si sono mosse per bandire il presidente degli Stati Uniti Donald Trump dalle loro piattaforme nelle ultime settimane, con Apple, Google e Amazon che hanno cancellato l’alternativa orientata alla libertà di parola Parler da Internet poco dopo.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,390FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati