giovedì, Settembre 24, 2020

D’Annunzio, l'”estetista”…

“D’Annunzio era un estetista”
Ebbene si. Non eravate al corrente? Il famoso movimento esteta studiato in letteratura probabilmente si occupava della formazione per la rimozione dei peli! Almeno secondo qualche studente ai recenti esami di maturità.
Fortunatamente nella nuova rubrica sul “Bello” che inauguriamo oggi non si tratta di questo.
Cosa è quindi la bellezza? Cos’ è il “bello”?
Tranquilli non si parla neanche in questo caso di pastiglie e beveroni per perdere i chili in più a cui si pensa come rimedio mentre si sta perdendo la dignità davanti ad un buffet. E no, non si parla neanche di maschere miracolose che fanno ringiovanire.
Si parla di qualcosa di più complesso, ma niente di impossibile da comprendere.
Da sempre artisti e letterati ricercano un ideale a cui far riferimento, studiano e si dedicano affinché si raggiunga il culmine dell’espressione del proprio pensiero.
Il contesto socio-economico, culturale e storico ha fatto sì che l’idea di “bello” subisse un’ evoluzione o secondo alcuni un degrado.
Se D’Annunzio non si occupava della rimozione dei peli, di che si occupava?
Beh, essendo l’esteta un realizzatore di arte, ogni singola azione doveva distinguersi in modo tale da non esser legata a niente e a nessuno. Unicità.
La vita di D’Annunzio fu caratterizzata da una intensa attività mondana, da un profondo interesse verso diverse esperienze e da un’accesa avversione nei confronti della società borghese; una vita all’insegna del lusso, tra oggetti d’arte, stoffe preziose, animali di razza per non parlare degli innumerevoli struggimenti per amore. Al giorno d’oggi verrebbe denominato come un Don Giovanni!
D’Annunzio si creò una vera e propria maschera dell’esteta, ovvero dell’individuo superiore, dotato di sensibilità fuori dal comune, che accetta come regola di vita solo il bello.
Visse nella sontuosa villa di Gardone, che trasformò in un mausoleo eretto a se stesso ancora vivente, il “Vittoriale degli Italiani” dove visse ossessionato dalla decadenza fisica, pubblicando alcune opere di memoria, e vi morì nel 1938.

Martina Vargiu
Martina Vargiu
19 anni, studentessa universitqria. Vincitrice concorso ADMO per il miglior tema. Volontaria nel sociale e militante politica. Appassionata di scrittura, determinata e volenterosa.
Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,824FansLike
3,702FollowersFollow

Leggi anche

Seicento anni fa, il genio.

Firenze. Il 7 agosto 1420, l’ingegnere Filippo Brunelleschi iniziò la costruzione della Cupola del Duomo, adottando una soluzione arditissima, decisamente all’avanguardia per l’epoca: la...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Seicento anni fa, il genio.

Firenze. Il 7 agosto 1420, l’ingegnere Filippo Brunelleschi iniziò la costruzione della Cupola del Duomo, adottando una soluzione arditissima, decisamente all’avanguardia per l’epoca: la...

Lettere patriottiche, i difensori della Bellezza

In Le Vergini delle Rocce, Gabriele D’Annunzio pronuncia un appello ai suoi lettori. Che cos’è il Bello ? Un Bello con la lettera maiuscola...

Max Pezzali torna e canta l’amore per Roma, tra difetti e magnificenza.

«Roma è una città incredibile, gigantesca, caotica, spesso incomprensibile per chi come me vive gran parte del tempo in una tranquilla realtà di provincia....

Il mistero del Da Vinci scomparso

E’ un regalo recente della fortuna, perché da secoli il dipinto si riteneva scomparso. A testimoniare che un tempo fosse esistito, un’incisione da esso...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x