Fratelli d’Italia unico partito a difesa dell’Alto Adige

Da tempo su queste pagine denunciamo l’aggressione alla sovranità italiana che proviene da Vienna e dagli “autonomisti” sudtirolesi.

Non contenta di avere un’autonomia praticamente assoluta la componente tedesca dell’Alto Adige insiste, con la sponda di Vienna, nel suo tentativo di secessione.

Solo ora il governo si accorge di quello che Fratelli d’Italia dice da tempo: in alto Adige c’è un vergognoso tentativo di pulizia culturale:

la definizione, presente anche in costituzione, “Provincia autonoma di – Alto Adige (in tedesco Autonome Provinz Bozen – Südtirol) non potrà più essere utilizzata. Il Consiglio provinciale di ha abolito i termini «Alto Adige» e «altoatesino». E non dovranno più essere usate. Si potrà utilizzare l’asettica e burocratica espressione “Provincia di » mentre, ovviamente, Südtirol rimane come termine ufficiale.

Solo Fratelli d’Italia ha votato contro la proposta dei partiti di lingua tedesca mentre Lega, Pd e 5 Stelle si sono astenuti.

Una vergogna perché cancellare i termini italiani e usare esclusivamente quelli tedeschi non è una boutade. E’ la strada verso la secessione.

“L’onorevole Luca De Carlo mostra il vero nome della zona che è, e non può non essere: Alto Adige”

 

Sia il ministro degli Affari Francesco Boccia che il sottosegretario Gianclaudio Bressa hanno annunciato che il Governo impugnerà questa modifica, che stravolge, come detto, anche la Costituzione. Di contro il presidente della Provincia autonoma di , Arno Kompatscher ha già dichiarato: «Credo che il Governo italiano non si permetterà di impugnare questa legge, l’impugnazione sarebbe un grave affronto» salvo poi riparare parlando genericamente di “errore”.

L’intervento tardivo di questo governo, che non brilla certo per l’attenzione verso l’identità e il prestigio della nostra Nazione, non può darci .

Nel frattempo, fortunatamente, Fratelli d’Italia ha già presentato due interrogazioni urgenti a firma dei capigruppo Lollobrigida e Ciriani rispettivamente  alla e al .

Quella in atto è, come detto dal consigliere provinciale di , Alessandro Urzì un’offensiva “anti italiana e come tale la contrasteremo in ogni sede”.

Ad esempio: “Sarà depositato già in giornata il disegno di legge, per cui richiederò la trattazione urgente, per ripristinare la denominazione ufficiale Alto Adige nella legge europea approvata nei giorni scorsi con l’unico voto contrario del sottoscritto in Consiglio provinciale” e “se ciò non dovesse avvenire con i nostri esperti stiamo valutando l’opportunità di presentare alla
Corte dei Conti un esposto per danno di immagine subito dall’Alto Adige in tutto il territorio nazionale.”

Per e l’Alto Adige troppe persone sono morte, uccise dal di lingua tedesca, per permettere che una terra così bella e ricca di possa essere svenduta ai nostalgici della Grande Austria.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

20,409FansLike
5,915FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati

0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x