Gli ultimi greci bizantini rischiano l’estinzione nella Turchia islamista

I greci che rappresentano le ultime vestigia della Bisanzio cristiana e dell’Impero romano si stanno dirigendo verso la loro definitiva estinzione nella Turchia di Recep Tayyip Erdogan, con il loro numero che si riduce a una manciata sotto il suo governo islamista.

Quella che oggi è la Turchia ha cominciato a essere colonizzata dai popoli turchi solo a partire dal 1071 circa, dopo che i loro antenati selgiuchidi erano arrivati dall’Asia centrale e avevano sconfitto le forze del sovrano cristiano di lingua greca Romanos IV Diogene nella battaglia di Manzikert.

Le ultime vestigia dello stato bizantino si spensero con la brutale conquista di Costantinopoli, considerata la più grande città cristiana del mondo, nel 1453, o probabilmente con la caduta della cittadella del castello di Salmeniko nell’odierna Grecia nel 1461, in seguito a una coraggiosa resistenza del suo comandante, Konstantinos Graitzas Palaiologos.

Nonostante i diffusi massacri e la schiavitù durante le conquiste turche, tuttavia, i greci della regione sopravvissero e si permisero una vita culturale, anche se come cittadini di seconda classe, per secoli – non da ultimo perché servirono come vacche da latte per i loro governanti musulmani attraverso l’imposizione della tassa jizya.

Ma i greci a Istanbul, come viene ora chiamata Costantinopoli, sono passati da 200.000 nel 1914 a soli 3.000 – e un corrispondente del Times che ha visitato la città per intervistare alcuni dei sopravvissuti, noti come Rum, riferisce che la cifra reale potrebbe essere più vicina a un migliaio.

I soggetti intervistati dai corrispondenti del Times non descrivono una vita così dura come quella vissuta da alcuni dei loro antenati, come nel 1821, quando molti greci della città furono massacrati e il Patriarca di Costantinopoli fu impiccato alla porta della sua cattedrale, o nel 1955, quando i servizi di sicurezza organizzarono violenti pogrom contro di loro in quella che POLITICO definì una “Kristallnacht turca“.

“Ora tutti se ne sono andati”, ha detto Lazari Kozmaoglu, il settantacinquenne proprietario di una rara macelleria di maiali.

“Quando ero giovane, mi stancavo sempre di salutare tutti quelli che passavano per strada. Ora mi sento così solo”, ha detto, ricordando che il quartiere ospitava circa 5.000 greci, ridotti a soli sette.

Il signor Kozmaoglu ora è morto, lasciando i suoi figli a portare la fiaccola.

Né gli intervistati, forse comprensibilmente, né il loro intervistatore, forse meno comprensibilmente, hanno toccato con mano le ragioni per cui tanti greci sono fuggiti dalla loro patria ancestrale negli ultimi anni – e, in effetti, decenni – ma l’umore contro tali minoranze nella repubblica un tempo fortemente laica, ma ora guidata dagli islamisti è inacidito.

Le autorità hanno reso sempre più difficile per i cristiani ortodossi ricevere un’educazione religiosa, ad esempio, e alcune chiese e monasteri storici sono stati demoliti o trasformati in moschee, a volte con scarso preavviso.

La vittima più famosa è stata l’ex Chiesa di Santa Sofia, o Hagia Sophia, convertita con la forza in moschea dopo la conquista turca, ma trasformata in un museo laico dopo la caduta della dinastia ottomana all’inizio del XX secolo, con gran parte delle sue inestimabili opere d’arte cristiana scoperte.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan l’ha trasformata nuovamente in una moschea, sconvolgendo i cristiani di tutto il mondo.

Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
7,390FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati