lunedì, Settembre 21, 2020

Dai Frictilia alle Frappe. L’antico dolce che unisce l’Italia del carnevale

Se è vero il detto che “A Carnevale ogni scherzo vale”, quando si parla di dolci in Italia non si scherza affatto.
Parlando di Carnevale pensiamo subito alle chiacchiere, il non plus ultra del dolce carnevalesco.

L’origine di questo dolce è antichissima, secondo gli storici l’origine delle chiacchiere risale all’epoca romana, in quel periodo venivano fatti dei dolcetti a base di uova e farina chiamati “frictilia”, che venivano fritti nel grasso del maiale, e preparati dalle donne romane per festeggiare i Saturnali (festività che corrisponde al nostro Carnevale). Questo dolce veniva servito alla folla che si recava in strada per festeggiare il carnevale, e poiché era semplice da preparare se ne potevano fare grande quantità in breve tempo e ad un costo basso.

La tradizione dei frictilia è sopravvissuta fino ad oggi, apportando solo piccole modifiche alla ricetta di base a seconda delle varie tradizioni regionali, anche se è sempre più raro trovare in giro chiacchiere fritte nello strutto, anzi, sulla scia del salutismo e delle manie delle diete è più facile trovarle fritte nell’olio o cotte a forno. Dal Nord al Sud del paese tanti sono i nomi con i quali vengono abitualmente chiamati:

  • Bugie (in Liguria);
  • Chiacchiere (in Campania e Lombardia);
  • Cenci (in Toscana); fiocchetti (in Romagna);
  • Grostoi (in Trentino);
  • Sossole o crostoli o galani (in Veneto);
  • Intrigoni (in Emilia);
  • Meraviglie (in Sardegna);
  • Testi di turchi (in Sicilia);
  • Frappe, frappole o sfrappole (in Italia centrale).

Tanti nomi per una sola ricetta: l’impasto è a base di farina (500 grammi), zucchero (80 g), burro (50 g), tre uova. C’è poi chi aggiunge del Marsala, chi del vino bianco, chi del Vin Santo, chi ancora della grappa. Le varianti dipendono ovviamente dalle usanze regionali.

Importantissimo a fine cottura un’abbondante spolverata di zucchero a velo.

Subscribe
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Seguici e resta aggiornato

17,821FansLike
3,692FollowersFollow

Leggi anche

Allarme di Coldiretti: Nutri-Score francese boccia 85% del Made in Italy

Le etichette nutrizionali che rischiano di affermarsi in Europa sotto la spinta delle multinazionali bocciano ingiustamente quasi l’85% in valore dell’agroalimentare Made in Italy...

Tra i più letti

Conte annuncia abolizione del contante. “Sarà gentile e dolce”.

Per quanto riguarda il Cashless "vogliamo un'Italia piu' digitale, crediamo sia la strada per renderla piu' equa e inclusiva. Il contrasto all'economia sommersa, per rendere il...

Il filo ideologico che lega Bibbiano alla mamma multata a Reggio Emilia. Le dichiarazioni della Fangareggi.

Succede a Reggio Emilia, una mamma che è stata allontanata dal figliolo perché ritenuta inadeguata dai servizi sociali. Una di quelle tante storie di...

Migranti illegali costruiscono moschea abusiva nella sua proprietà. Residente greco di Lesbo denuncia alle autorità.

Una residente greca dell'isola di Lesbo ha presentato una denuncia dopo aver scoperto che i migranti illegali avevano costruito una moschea di fortuna sulla...

Articoli correlati

Allarme di Coldiretti: Nutri-Score francese boccia 85% del Made in Italy

Le etichette nutrizionali che rischiano di affermarsi in Europa sotto la spinta delle multinazionali bocciano ingiustamente quasi l’85% in valore dell’agroalimentare Made in Italy...

Le colline del Prosecco patrimonio dell’umanità. Lo dice l’Unesco

Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene entrano a far parte del patrimonio Unesco. A deciderlo all’unanimità il Comitato composto da 21 stati...

Il fragrante filo rosso del fritto che unisce l’Italia a Carnevale

Mettiamo un attimo da parte i buoni propositi dell’anno nuovo. Dimentichiamo le diete che ci siamo imposti per smaltire i chiletti di troppo presi...
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x