Green Fail in Germania: si riaccende il carbone.

A dimostrazione del fallimento del perseguimento della cosiddetta “energia verde” da parte della Germania affidandosi nel frattempo al gas russo, una centrale elettrica a carbone sarà nuovamente collegata alla rete elettrica nazionale.

Mentre la cosiddetta centrale economica d’Europa si affanna a cercare fonti di energia prima dei mesi invernali, la centrale a carbone di Mehrum, in Bassa Sassonia, precedentemente chiusa, sarà la prima a essere nuovamente collegata alla rete elettrica tedesca.

Lunedì, la direttrice della società operativa EGH di proprietà ceca, Kathrin Voelkner, ha dichiarato: “Abbiamo dichiarato il ritorno al mercato dell’elettricità. Secondo il quotidiano Frankfurter Neue Presse, presumiamo che torneremo alla rete nel breve termine”.

La mossa è stata preceduta dall’attuazione da parte del governo federale di un’ordinanza d’emergenza per consentire la riapertura degli impianti a petrolio e a carbone inattivi fino all’aprile del prossimo anno, in quanto il Paese si trova ad affrontare una carenza di energia a causa del conflitto in Ucraina.

Il ministro dell’Economia Robert Habeck, esponente di spicco dei Verdi tedeschi, ha definito la decisione di riaprire le centrali a carbone “amara” ma un male necessario.

Mentre il governo ha consentito il ritorno al carbone, la coalizione socialista SPD guidata dal governo a semaforo si è finora rifiutata di abbandonare la decisione di chiudere le rimanenti centrali nucleari entro la fine dell’anno, una mossa che ha fatto seguito ad anni di politiche antinucleari dell’ex cancelliere Angela Merkel dopo la fusione di Fukushima in Giappone.

La co-leader dei Verdi, Ricarda Lang, ha dichiarato che un ritorno all’energia nucleare “non avverrà, almeno sotto i nostri occhi”.

Lang ha affermato che c’è una “mancanza di serietà” nel dibattito sul nucleare, che ha descritto come una “tecnologia altamente rischiosa”, nonostante l’energia nucleare sia una delle principali fonti energetiche più sicure al mondo.

“Ma abbiamo bisogno di risposte che siano effettivamente adeguate al problema”, ha proseguito la politica dei Verdi. “Abbiamo un problema di calore, non di elettricità”, ha affermato, nonostante il gas sia ancora utilizzato per la produzione di energia.

Altri hanno dissentito dalla posizione antinucleare del governo, tra cui il primo ministro della Sassonia Michael Kretschmerhas, che la scorsa settimana ha dichiarato che l’agenda verde è fallita.

“La transizione energetica con il gas come carico di base è fallita”, ha dichiarato, chiedendo che le centrali nucleari rimanenti rimangano aperte durante la crisi.

Nonostante gli avvertimenti lanciati da tempo da personalità come l’ex presidente USA Donald Trump, il Paese è rimasto fortemente dipendente dalla Russia per il gas. Mentre la Russia ha affermato che le attuali carenze nelle spedizioni di gas sono dovute a problemi tecnici con il gasdotto Nord Stream 1, altri hanno suggerito che si tratta di una rappresaglia in risposta alle sanzioni imposte a Mosca per la guerra in Ucraina.

Attualmente, la preoccupazione maggiore per la Germania è rappresentata dai potenziali blackout durante l’inverno, che potrebbero portare a situazioni pericolose, in particolare per le persone anziane. Tuttavia, alcune città hanno già iniziato a introdurre misure di razionamento, tra cui Hannover, che questa settimana è diventata la prima grande città europea a porre limiti all’uso dell’acqua calda negli edifici pubblici.

Redazione
Redazione
La Redazione de La Voce del Patriota

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Seguici e resta aggiornato

20,673FansLike
8,803FollowersFollow

Leggi anche

Tra i più letti

Articoli correlati